Vanessa Incontrada, le sue parole e quell’amaro in bocca

Vanessa Incontrada, le sue parole e quell’amaro in bocca

Vanessa Incontrada, le sue parole e quell’amaro in bocca

vanessa-incontrada-645

Fa male leggere queste parole. Fa male 2 volte: una perché nessuno mai si dovrebbe permettere di giudicare il fisico di una donna che cambia, due perché una donna non dovrebbe mai permettere agli altri di rovinare un momento così dolce come la gravidanza e addirittura non avere più una foto di uno dei momenti più belli della vita. Dopo tanti anni ci ritorna sull’argomento Vanessa Incontrada e lo fa con un’intervista a Vanity Fair che mi ha lasciato l’amaro in bocca.

Pensa mai a dargli un fratellino?
«Lascio aperta questa possibilità ma ammetto di avere un po’ paura».
Di tornare a immergersi in pannolini e pappe?
«No. Di rivivere quello che ho vissuto durante la mia prima gravidanza. Non solo il fatto di essere stata male fisicamente, ma anche quell’attenzione mediatica morbosa. Per me è stato molto doloroso».
Si riferisce al fatto che certi giornali «l’accusarono » di essere ingrassata troppo. Dopo l’analisi che ha fatto, non pensa di dover ridimensionare quei fatti? C’è sempre un prezzo da pagare per la popolarità.
«Il trauma è rimasto. E la malinconia. Perché mi hanno rovinato un momento speciale che sognavo da quando ero ragazza. Sa che non ho più nemmeno una foto di quando ero incinta? Le ho eliminate tutte. E poi mi è rimasto un tarlo: perché se la sono presa con me? Perché non succede alle mie colleghe? Sono l’unica ad essere ingrassata in gravidanza?».
Laura Pausini subì lo stesso trattamento, e non era nemmeno incinta, quando pubblicarono alcune foto in cui appariva ingrassata scrivendo che fosse in attesa.
«È vero. Infatti lei è sempre stata molto protettiva nei miei confronti su questo tema, e quando se ne parla diventa furiosa. Però abbiamo un carattere diverso, lei riesce a vivere tutto con più leggerezza».

RELATED ARTICLES

Donne magre e giovani dominano la comunicazione social delle grandi aziende

Donne magre e giovani dominano la comunicazione social delle grandi aziende

Gradient, start-up che ricorre all’intelligenza artificiale per analizzare Diversità e Inclusione (D&I) nella comunicazione visiva e media (advertising, branding, cinema), nel corso del Diversity Brand Summit 2022 tenutosi a Milano

READ MORE